Casa dell’inutile, del piccolo, del calzino spaiato

Home

Racconto di un’autoesplorazione

Racconto di un’autoesplorazione

Isabel Farina è un’antropologa medica che lavora in un’azienda di designer, ama tutto ciò che è parallelo alle pratiche mediche tradizionali, le tecnologie ribelli, le piante, la medicina di genere, le lotte femministe e ha sicuramente letto un articolo su qualunque...

Le streghe di Macbeth

Dovreste prima fare silenzio, quella che state per sentire è una tragedia cupa ambientata in fredde lande. Se vi concentrate potreste sentire la mano intorpidire per via dell’umidità che si trova nelle brughiere di Scozia in mezzo al silenzio e alla nebbia. Qui, il...

Il mio corpo ride

Vorrei imparare a ridere con tutto il mio corpo una risata che parta dalla bocca e salga a invadere gli occhi i capelli il seno, che apra i polmoni e l’intestino e corra giù fino alle cosce. Ridere tutta intera con la ciccia, le ossa, la cellulite ogni pelo superfluo...

Muhammad Ali – seconda parte

Per leggere la prima parte, sull'infanzia di Cassius Clay, clicca QUI.  Muhammad Ali, allora Cassius Clay, ha diciotto anni quando partecipa e vince le Olimpiadi di Roma del ’64. E’ un ragazzone bello e allegro, scherza con tutti, trottola tra giornalisti e atleti...

Dafne cacciatrice – il mito dell’alloro

Dafne è cacciatrice, ha una bellezza appuntita fatta di ossa pronte a scattare e a nascondersi e un’espressione in volto che sembra ruggito. I canini le brillano in mezzo al sorriso sghembo le ferite, i graffi e i lividi colorano la sua pelle bruciata. Caccia e vive...

Per un teatro che gode – Filippo Timi

Un pigiamino a pallini, una vecchia palestra Filippo Timi che vola sospeso da un cavo d’acciao e racconta una vita chiusa dentro una disabilità profonda, dentro una scatola cranica sigillata da cui non sembra poter uscire niente se non lievi segnali: un lamento...

Muhammad Ali – prima parte

Cassius Clay, poi Muhammad Ali, nasce nel 1942, a Louisville – Kentucky. Suo bisnonno era uno schiavo, suo nonno un assassino e il padre meraviglioso – tranne quando beveva, cosa che succedeva spesso. La schiavitù, abolita nel 1863, è cosa tangibile, il ricordo...

Tra violenza e preghiera – Babilonia Teatri

Lo spettacolo Padre nostro dei Babilonia Teatri inizia con gli attori già in scena: padre, due figli (nella vita oltre che nello spettacolo) e un cane dalla testa grossa e le gambe corte, accucciato a fianco. Nel mezzo, troneggia uno di quei candelieri che usano in...

A caccia delle streghe

Bella parola strega e quanti mondi, quante fratture si nascondono nel suo fluire di forza, magia e terrore. Mona Chollet, nel suo libro Streghe – storie di donne indomabili, parte dalla Santa Inquisizione affermando, prima di tutto, la necessità di dare peso a quello...

Ma ancora, scusa

C'era la felicità dentro le tue parole. E avevi tutti quegli occhi al mattino ne potevo contare sette, otto furono addirittura nove. Ma c'erano anche mattine in cui ti svegliavi cieco e a me facevi paura. Ti dovevo seguire piano, spostare gli oggetti pericolosi...

lo scarto

Lo Scarto è ciò che viene buttato via perché non serve a niente.

Non serve, soprattutto, a far andare avanti l’enorme macchina del sistema produttivo.
Non si può vendere, perché è così aggrovigliato che non si capisce proprio come potergli dare un prezzo e non esistono misure per poterlo quantificare.
È un pezzetto di emozioni e passioni che ancora resistono alla grande corsa del Bisogna… continua a leggere

 

Share This